Analisi Seo Gratuita

Attraverso una analisi Seo gratuita del sito web, generalmente scopriamo che mediamente un sito Web contiene centinaia di errori. Molti di questi errori tecnici hanno un impatto negativo sul posizionamento nei motori di ricerca. Molti di questi errori, inoltre, possono rendere il tuo sito Web invisibile ai potenziali clienti.

Prova tu stesso ad analizzare gratuitamente il tuo sito, attraverso il modulo sottostante. Se riscontrerai molti errori, contattaci e, attraverso un’analisi Seo  approfondita,  verificheremo i diversi tipi di errore che possono influenzare la visualizzazione delle pagine da parte degli utenti e il posizionamento delle tue pagine Web sui motori di ricerca.

L’audit gratuito del sito parte da un’analisi generale, finalizzata a rivelare le azioni necessarie per migliorare l’ottimizzazione per i motori di ricerca. Molti strumenti offrono consigli su come migliorare il posizionamento dei siti.

Le azioni principali che sicuramente saranno da compiere possono includere:

  • La SEO on page
  • La SEO off page
  • Verifica di collegamenti interrotti
  • Meta descrizioni e titoli duplicati o mancanti
  • La convalida HTML
  • Una Analisi delle statistiche del sito Web
  • Pagine che restituiscono un errore
  • Pagine non indicizzate o deindicizzate
  • La velocità del sito e del Server che lo ospita

Compila il form che segue. Ricevi il report immediatamente e decidi se sia il caso d’intervenire o meno.

Quando deciderai di affidarti a noi per una Analisi approfondita della SEO sul tuo sito web, scoprirai come correggere tutti gli errori che stai facendo e riceverai indicazioni dettagliate sulle modifiche da apportare.

Messi in pratica questi consigli potrai avere miglioramenti mirati, che ti consentano di posizionarti meglio, ottenere tassi di conversione più elevati e persino espandere la tua base di clienti.

Avrai un’analisi sul tuo sito per capire cosa funziona e cosa no. In questo modo potrai assicurarti una crescita delle visite al tuo sito.

Dovrai inserire url ed email qui per avere un audit seo gratuito via email

Il sistema impiegherà qualche secondo per raccogliere i dati. Sembrerà bloccato ma non è così. Inserendo un recapito telefonico sarà un nostro seo specialist a contattarti per una prima consulenza seo gratuita

Solo pochi secondi di pazienza

Riceverai a breve il tuo rapporto di Audit seo gratuito del sito tramite email. Se hai domande o hai bisogno di assistenza per risolvere i problemi rilevati sul tuo sito, non esitare a contattarci. Saremo felici di aiutarti.

Vuoi fare una analisi seo gratis di un sito da solo?

Ti spieghiamo come eseguire una analisi SEO gratuita di un sito utilizzando gli strumenti più adatti.

Un audit SEO non è così complesso come molti pensano.

Infatti, sebbene il numero di variabili da analizzare sia ampio, è possibile concentrarsi su quelle più critiche per la propria strategia.

Inoltre, vale la pena tenere presente che questo tipo di progetto genera molti vantaggi per il tuo blog, liberandolo da errori spesso molto semplici da risolvere ma che, una volta accumulati, si trasformano in un grattacapo per qualsiasi specialista del settore.

In questo post presenteremo i migliori consigli su come eseguire un audit SEO, indicando le metriche da seguire, i principali strumenti di auditing, come interpretare tutti questi dati e, infine, come risolvere i principali problemi.

Ecco gli argomenti che tratteremo:

  1. Audit SEO
  2. Strumenti di controllo SEO
  3. Controlla il tuo sito web
  4. Trova ed elimina le pagine danneggiate
  5. Assicurati che il tuo sito sia ottimizzato per i dispositivi mobili
  6. Rendi il tuo sito web più veloce
  7. Organizza il tuo sito web in modo semplice
  8. Trova le pagine che Google non sta indicizzando
  9. Verifica interna dei contenuti
  10. Migliora la tua SEO on-page
  11. Ottimizza i tuoi contenuti per gli snippet in primo piano
  12. Cerca meta-descrizioni duplicate
  13. Ottieni il massimo dai tuoi link interni
  14. Verifica esterna

Continua a leggere e scopri di più!

Audit SEO

Un SEO Audit effettua una analisi per mappare tutti i possibili errori che un’azienda potrebbe commettere, non indicando necessariamente la soluzione a tutti loro.

Tuttavia, quando possibile, cercheremo di indicare il modo migliore per risolvere i problemi rilevati, oltre a suggerire altri materiali e informazioni che contengano una soluzione più dettagliata.

Detto questo, abbiamo separato questo contenuto in 3 parti:

  1. Auditing del tuo sito: focalizzato sulla ricerca di problemi strutturali e tecnici che impediscono al tuo sito di funzionare meglio;
  2. Audit interno dei contenuti: naturalmente all’interno del tuo sito, ma concentrandosi su come fornire i migliori contenuti nella tua nicchia;
  3. Auditing esterno: focalizzato sulla ricerca dei problemi e delle opportunità che provengono da altri domini.

Per essere sicuro di sapere a che punto sei, prima di iniziare, segui i passaggi che seguono. Tracceremo una linea di partenza per poter valutare nel tempo se stai ottenendo miglioramenti con il tuo lavoro.

Controlla il tuo traffico organico

Il modo migliore per controllare il tuo traffico organico è tramite Google Analytics. Rivedi le prestazioni del tuo sito web nell’acquisizione del traffico.

Lo strumento consente di personalizzare l’intervallo di tempo che si desidera analizzare.

google organic

Cliccando su “organico”, puoi analizzare in dettaglio la tua acquisizione organica di visitatori.

Cerca cadute o picchi che serviranno come base per ulteriori analisi.

Tieni traccia delle parole chiave che scegli come target

Ci sono alcuni modi per farlo. I più pratici coinvolgono strumenti a pagamento, come Semrush.

Attraverso il tracker di posizione, puoi monitorare il tuo posizionamento per parole chiave diverse, trovare opportunità e individuare minacce.

Una volta che conosci e, soprattutto, capisci i tuoi risultati attuali, sei pronto per iniziare il tuo audit.

Strumenti di controllo SEO

Esistono alcuni strumenti di analisi SEO che, oltre ad essere utili in alcuni passaggi pratici che mostreremo in seguito, offrono anche le proprie funzionalità di audit e report seo.

Per questo post, abbiamo scelto di parlare di due strumenti che utilizziamo qui a Rock: SEMrush e Screaming Frog.

Audit SEO con Semrush

Semrush analizza il tuo sito e lo monitora giorno per giorno. Per condurre un audit SEO con Semrush, devi prima registrare il tuo progetto sullo strumento:

Dopo esserti registrato, vai su Progetti, che si trova nel pannello degli strumenti, e seleziona il progetto che hai creato.

All’interno del tuo progetto, una delle opzioni di analisi è Site Audit.

Attraverso di esso, è possibile effettuare diverse analisi delle prestazioni, che vanno dagli aspetti di seo tecnico alla link building interna.

come fare seo audit con semrush

È anche possibile monitorare il posizionamento sui motori di ricerca, le prestazioni sui social media, i backlink, il traffico organico, la SEO on-page, tra le altre opzioni.

Audit SEO con Screaming Frog

Questo strumento gratuito (fino a 500 URL) tiene traccia delle pagine allo stesso modo di Google e ti fornisce la maggior parte delle informazioni necessarie per eseguire con successo un audit SEO.

Puoi “navigare” tra i risultati del tuo sito utilizzando la scheda “Panoramica” sul lato destro dello schermo, dove vedrai vari errori trovati nelle tue pagine.

screamingfrog

Dopo aver visto i numeri (e i suggerimenti forniti dall’audit), potrai esplorarli ulteriormente utilizzando la barra delle “opzioni” nella parte superiore del software.

Controlla il tuo sito web

Successivamente, individueremo i principali problemi strutturali che potrebbero impedire al tuo sito Web di ottenere risultati migliori.

Dai un’occhiata!

Assicurati che Google indicizzi solo una versione del tuo sito web

Sì, una singola pagina del tuo sito può essere indicizzata in modi diversi da Google.

Guarda i seguenti URL:

“https://officinaseo.it”

“https://officinaseo.it”

“https://www.officinaseo.it”

“https://www.officinaseo.it”

Per noi non fanno differenza. Anche se fai clic su uno di essi, finirai sulla stessa pagina: https://www.officinaseo.it/.

Tuttavia, ciò non avviene automaticamente. Per quanto riguarda Google, si tratta di versioni diverse dello stesso dominio. Questo accade a ogni pagina del tuo sito e, se non reindirizzano alla versione principale, non saranno altro che un peso morto nella tua indicizzazione.

Testa tutte le versioni del tuo sito per assicurarti che reindirizzino alla tua versione principale, solitamente quella contenente “https” con o senza “www”.

La versione https di un sito Web è un indicatore di sicurezza cruciale per qualsiasi azienda, in particolare per quelle che effettuano transazioni commerciali all’interno del proprio sito Web.

Poiché attesta se un sito Web è sicuro o meno, questo è un fattore preso in considerazione da Google. Se le diverse versioni del tuo sito ti stanno portando alla versione principale, imposta un Redirect 301 per ciascuna delle versioni non scelte.

Trova ed elimina le pagine inutili

Potresti aver sentito che più contenuti hai sul tuo sito web, meglio è. Ma questo non è sempre vero.

Ecco perché Google apprezza i domini che hanno pagine di valore. Qualsiasi pagina che riceve poche visite, pochi collegamenti esterni, presenta contenuti duplicati o di bassa qualità è soggetta a essere considerata dannosa.

Se hai pagine dannose (ti facciamo un avviso spoiler, le hai), il tuo sito ne viene danneggiato.

Le pagine dannose sono presenti in vari formati e alcuni esempi comuni sono:

  • vecchi contenuti di notizie che non ricevono più traffico;
  • contenuti vecchi e obsoleti;
  • contenuti con SEO on-page di qualità molto bassa;
  • vecchie pagine di prodotti;
  • pagine di archivio;
  • pagine con poco o nessun contenuto originale;
  • pagine di ricerca interne.

Se hai un blog, o un e-commerce, da più di un anno e non hai mai dato una ripulita alle tue pagine, potremmo scommettere che ne hai alcune inutili, obsolete o di bassa qualità. Questo interferisce con i tuoi posizionamenti.

Hai dubbi? Bene, fai una stima del numero di pagine che hai nel tuo dominio, contando tutte le pagine di categoria, i prodotti, i post e qualsiasi altra pagina. Fatto?

Ora vai su Google e digita: site:ilnomedeltuosito.it o .com o quello che sia. Il risultato mostrerà quante pagine del tuo dominio Google ha indicizzato:

comando site di Google
Come puoi vedere, anche noi abbiamo commesso questo errore. Abbiamo lasciato che i motori scansionassero un terzo livello che utilizziamo per fare dei test.

Il numero che leggi è oltre quello che ti aspettavi?

Controllare la presenza di pagine dannose non è solo importante per il tuo posizionamento, ma anche per facilitare i passaggi successivi dell’auditing SEO.

Scopri come trovare pagine inutili e dannose

Per trovare pagine dannose, vai su Google Analytics e fai clic per vedere tutte le tue pagine:

1

Vai su Comportamento > Contenuti del sito > Tutte le pagine

come trovare pagine inutili con analytics
2

Ora, seleziona un intervallo di tempo di almeno 3 mesi: noi abbiamo selezionato un intervallo di 6 mesi.

3

E poi clicca su Visualizzazioni di pagina, per visualizzare le pagine meno visitate: clicca fino a quando non vedrai le visualizzazioni numerate in ordine inverso, da 1 a salire.

In questo modo vedrai le pagine con il tasso di accesso più basso nel periodo selezionato. Se una delle tue pagine riceve meno di una visita al mese, non è certo una pagina utile per il tuo dominio.

Un altro modo per identificare possibili pagine dannose è utilizzare il cms WordPress (o qualsiasi altro CMS). Vai ai tuoi post e controlla quali sono quelli più e meno popolari.

Questo processo ti aiuterà a trovare vecchi post che potrebbero essere dannosi per il tuo dominio. Quando trovi un articolo sospetto, inserisci il suo URL in Google Analytics per comprenderne le recenti prestazioni.

Una volta individuati articoli e pagine dannose, cosa devi fare?

Affronta le pagine inutili e dannose

Una volta scoperte le pagine inutili o che non portano traffico, hai due scelte: eliminarle o aggiornarle.

L’eliminazione della pagina è l’azione più comune poiché la maggior parte di quelle pagine non ha un uso futuro e la sua esistenza sta compromettendo il tuo dominio.

Se decidi di eliminare una pagina, è importante ricordare di reindirizzare il suo URL a un’altra delle pagine del tuo dominio per assicurarti che, se qualcuno vi accede, non finisca su una pagina di errore 404.

Puoi farlo attraverso un semplice reindirizzamento 301, come indicato in precedenza.

Ma se trovi pagine che “potrebbero” offrire valore ai tuoi visitatori e non lo fanno perché sono vecchie, obsolete o configurate in modo errato, puoi decidere di aggiornarle e aumentarne il valore.

Invece di eliminarle, ristruttura il contenuto, inserendo nuove informazioni, immagini e video, ampliando e aggiornando i testi. Inoltre, investire nella diffusione e nell’acquisizione di backlink (linkbuilding e linkearning) trasformando un articolo inutile e dannoso in uno che ti porta traffico e risultati.

Assicurati che il tuo sito sia ottimizzato per i dispositivi mobili

Google ha già affermato che essere mobile friendly è un fattore che interferisce direttamente con il posizionamento di un sito web nelle SERP.

La tendenza è che Google continui ad apportare modifiche in questa direzione, dopotutto gli aggiornamenti dell’algoritmo cercano di seguire il movimento naturale degli utenti.

Per la maggior parte delle SERP, qualcuna più qualcuna meno, circa il 58% di tutte le ricerche su Google proviene da dispositivi mobili, a seconda dei mercati.

Alcuni, come “finanza e banche”, detengono un volume inferiore, con circa il 40%, mentre quando si parla di “prodotti alimentari” questo numero sale a oltre il 70%.

Se non sai se il tuo sito è ottimizzato per i dispositivi mobili, perché non lasciare che te lo dica Google stesso?

Con questo strumento di Google puoi valutare quanto sia adatto il tuo sito web per i dispositivi mobili.

Se il tuo sito mostra prestazioni scarse in questo senso, Google potrebbe buttarti giù nel posizionamento in SERP.

Rendi il tuo sito web più veloce

Seguendo la stessa idea, avere un sito web lento è un modo per garantire che i tuoi utenti avranno esperienze negative e, naturalmente, Google si oppone.

Con siti Web sempre più ottimizzati e connessioni Internet più veloci, è difficile aspettarsi che le persone attendano il caricamento di siti lenti.

La stessa Google ha pubblicato uno studio che mostra che, il 53% dei visitatori che utilizzano dispositivi mobili, rinuncia a entrare in una pagina che impiega più di 3 secondi per caricarsi.

Non c’è da stupirsi che questo sia uno dei fattori di ranking più importanti per l’azienda di Mountain View.

Il caricamento lento dei siti può verificarsi per vari motivi: troppe immagini, formati multimediali pesanti, codice poco sviluppato, problemi del server, tra gli altri.

Puoi testare la velocità del tuo sito sempre attraverso uno strumento gratuito di Google: PageSpeed Insights.

Oltre a un voto generale per la velocità della pagina, questo strumento mostra la velocità in ogni fase di caricamento, le opportunità di miglioramento e gli aspetti positivi.

Oltre a un voto generale per la velocità della pagina, questo strumento mostra la velocità in ogni fase di caricamento, le opportunità di miglioramento e gli aspetti positivi.

Puoi anche usare GTmetrix:

Dotato di un sistema di valutazione generale ed evidenzia punti di forza e di debolezza, GTmetrix fornisce anche informazioni sulla dimensione totale della pagina in byte.

Importante: ogni pagina del tuo sito avrà una velocità diversa. È essenziale testare tutte le tue pagine più essenziali per capire quali devono essere migliorate.

gtmetrix officina seo

Vedi sotto alcuni suggerimenti per migliorare la velocità del tuo sito web.

Riduci le dimensioni del tuo sito

I siti che memorizzano più informazioni (in byte) impiegano più tempo per essere caricati.

Controlla le tue pagine per immagini e testo che puoi comprimere in formati più chiari senza interferire con la qualità. Diverse applicazioni possono aiutarti in questo.

Inoltre, cogli l’occasione per eliminare tutti gli altri elementi non necessari che non sono rilevanti per l’acquirente.

Migliora il codice del tuo sito web

Un codice mal fatto richiede più tempo di lettura dal browser. Se hai problemi con la velocità del tuo sito, vale la pena coinvolgere uno sviluppatore per semplificare il tuo codice e velocizzare la tua pagina.

Investi in un buon hosting

Un hosting più economico è ottimo per i siti nelle fasi iniziali, ma se vuoi metterti come uno dei migliori attori nel tuo mercato digitale, è fondamentale contare su un hosting di alta qualità.

Organizza il tuo sito web in modo semplice

L’organizzazione di un sito web, o la sua architettura delle informazioni, si riferisce a come tutte le pagine del tuo sito web sono strutturate e collegate tra loro.

L’architettura di un sito definisce la facilità con cui tu (e i motori di ricerca) navighi tra le pagine e trovi informazioni.

In breve, una buona architettura del sito è quella che ha una struttura più semplice e meno livelli. Più una pagina è lontana, in termini di clic, dalla tua home page, più difficile sarà per visitatori e crawler raggiungerla.

Si nota questa distanza quando si analizza la struttura dell’URL di un sito. Confronta i due seguenti:

https://tuosito.com/blog/categorie/casi/xcasocompagniax
https://tuosito.com/blog/xcasocompagniax
In questo contenuto, viene illustrato come la struttura di un sito influisca sulla sua usabilità:

spider-ok-not-ok-crawler

In una struttura a più livelli, i bot di Google, o altri crawler, potrebbero avere difficoltà a raggiungere pagine più distanti dalla home page.

Strutture poco profonde e ben collegate facilitano sia i motori di ricerca che i visitatori.

Un altro impatto diretto dell’architettura di un sito nella tua SEO è legato ai link. Più un dominio è vicino alla home page, più forte è la sua autorità.

Ogni sito web contiene una gerarchia nascosta nella sua struttura, e se non l’hai definita al momento dello sviluppo del sito web, forse la tua non corrisponde a ciò di cui hai bisogno.

Ciò significa che i collegamenti dalle pagine più vicine alla home page avranno più autorità e non vuoi che le pagine importanti per la tua strategia SEO siano nascoste nella parte inferiore del tuo sito web.